Santarella Wearever

Repubblica

Benedetto Sincretismo

È stato Raul e la sua “Milonga di Valladolid” a far incontrare Barbara e Francesca.
Due architetti con molto in comune compreso il fatto di non saper mettere un bottone…
Si trovano per pasticciare con vernici, terra, fuoco e finiscono con sete a pois, taffettà maculati e crêpe di lana. Si danno poche regole: taglio vivo, double face, cuciture a contrasto, stratificazioni libere ed adattabili di tessuti potenti, forme disposte ad essere interpretate.
Lasciano fluire la sensibilità sulla linea.
Raccontano divertite della nascita del marchio, invenzione di Claus, che per mistero psico-magico le conduce a Napoli. O per meglio dire, riporta Francesca, di sangue partenopeo, a scoprire la storia di Santa Maria Francesca – La Santarella dei Quartieri Spagnoli, dove si trova un minuscolo e aggraziato santuario. La tradizione vuole che qui vengono a sedere sulla sedia della Santa, soprattutto le future mamme che chiedono la sua intercessione per ottenerne la benedizione. Barbara e Francesca vi si recarono per raccontare il loro progetto (e chiedere la benedizione), scoprendo che la Santa era molto ricercata in vita per ricamare con fili d’oro.
A San Martino, di cognome e non di fatto!, devono la creazione delle etichette.
Mi narrano questa storia mentre mi vestono di una Ruota. Un semplice cerchio di stoffa bucato che si adagia, gira, fluttua prima di trovare la collocazione “giusta”. Il corpo fa da perno ad un colore in movimento, ad una sostanza informe che muove il corpo come un dervish.
Mi guardo allo specchio: mi hanno avvolto di qualcosa che ricorda i parangolè del brasiliano Helio Oiticica -vestiti usati nei festival di samba- e mi trasformo in una scultura vivente.
La Ruota, come gli altri capi, non si indossa! Non è passiva, ma si offre al gioco della vestizione, dello scambio, è il simbolo di un contatto col mondo che muta in continuazione.
Benedetto Sincretismo! mi dico mentre un Bianconiglio mi intima di sbrigarmi ad uscire dal sogno. Aleggia nella tappezzeria del papà di Barbara una continuità saggia ed invisibile mentre fuori il sole della periferia romana richiama alla realtà dei solidi.

Silvia Litardi

Carnet

Fuorilemura

Our new shop online website is ready!!!
>>> www.wearever.it <<<

direzione artistica della comunicazione Italia Rossi sonoracreative.com __ graphix/web Andrea Conforzi __ built with Indexhibit